Il rapporto di coppia cambia dopo i figli?

A chi risponde no..non riesco a crederci, davvero, non penso proprio che sia possibile… A meno che tu, cara mamma non abbia la donna delle pulizie e/o la tata per 18 ore al giorno, non venirmi a dire che il rapporto tra te e tuo marito è rimasto tale e quale a prima, se è così voglio le prove! E in questo articolo non parlo di sesso, ma della complicità!!

Perché cambia? Perché nella vita tutto cambia prima o poi. L’arrivo di un figlio va comunque ad alterare un equilibrio che si è creato tra due persone che improvvisamente scoprono alcuni lati della loro personalità, fino a quel momento rimasti latenti ed oscuri.

Pensiamo per un attimo all’inizio della nostra storia d’amore.. Tutto è bello, si esce, ci si diverte e insieme si sta bene. Certo qualche volta si litiga, è più che normale. Poi ci si sposa o si va a convivere e da lì si scopre la vera natura dell’altro. Nel quotidiano, si condividono le abitudini e spesso si deve scendere a compromessi per trovare l’equilibrio e l’armonia di coppia. Alcune volte bisogna adeguarsi a ciò che vuole lui, altre volte vinco io!!! Ho ragione fin qui??

Ed ecco il giorno del test di gravidanza.. positivo… gioia, amore, baci, abbracci, lacrime.. pura emozione. Nove mesi (per qualcuno un pochino meno) ad immaginare come sarà la vita in tre, a fare progetti e pensare cosa sarà meglio per lui/lei. Si leggono libri, blog, articoli, si googla di tutto di più…

Poi nasce (o nascono!!) e tutto cambia inevitabilmente.. le prime discussioni per chi si deve alzare la notte, si alza la voce per il cambio dell’ennesimo pannolino. “Coprilo di più che prende freddo” e “non farlo dormire in mezzo che lo schiaccio!” Ma quello che mi lascia davvero senza parole è quando il papà arriva a dire la frase “da quando c’è lui non mi guardi più come prima“… “Certo amore, ora ti spiego………… non riesco nemmeno a tenere gli occhi aperti perchè quel piccolo esserino di 5 kg dopo avermi distrutto l’apparato genitale con quel testone, mi succhia l’anima sotto forma di latte e di notte mi tiene sveglia urlandomi nelle orecchie come una stonata voce bianca delirante…”

Non importa se vostro marito/compagno vi aiuta tantissimo o vostra madre vi fa la lavatrice, le cose cambiano perchè ci sono tante decisioni da prendere, e più il bimbo crescerà più le decisioni saranno importanti.

L’educazione... è il punto più forte dove nascono discussioni, ognuno ha un suo modo di vedere le cose. Io e mio marito ci becchiamo ogni giorno su questo argomento!! Ma finchè si discute e ci si confronta (e soprattutto finchè vinco io) il rapporto continuerà ad essere vivo, con alti e bassi come in ogni coppia, ma sarà lì…messo sempre alla prova, sempre in analisi. Il problema ce lo dobbiamo porre quando si scende subito a compromessi, quando si cerca di evitare la discussione o si da ragione priori all’altro, perchè è proprio a quel punto che dobbiamo fermarci per chiederci “cosa sta succedendo?”. Ricordatevi sempre che è il troppo o il nulla che ci deve far riflettere. Se non ci importa più di quello che succede attorno a noi forse si è rotto qualcosa…

L’equilibrio si destabilizza per la stanchezza, il nervoso, i cambiamenti fisici della donna, che non sono solo evidenti..a volte noi li “sentiamo” quei cambiamenti anche se nessuno li vede da fuori. Ci sono fattori legati al cambiamento delle proprie abitudini di vita, il non lavorare o peggio ancora il mobbing che purtroppo noi donne subiamo ancora nel 2019…insomma i fattori sono tanti, potrei stare ore ad elencarli.

Io ho lottato molto per il mio matrimonio, ho lottato contro la distanza e le persone..e sono qui!! Ogni giorno, ma veramente, come Sandra e Raimondo discutiamo e ci mandiamo a quel paese, ma ogni sera c’è un bacio della buonanotte ed ogni mattina un abbraccio ed un saluto. Non sto qui a consigliarvi come ci si comporta in una coppia..ma vi consiglio di cogliere i piccoli segnali e capire cosa c’è nei vostri cuori. La prossima settimana invece parleremo di come cambia il rapporto.. in camera da letto!!

Fatemi sapere la vostra opinione in merito ora!!!

Vi aspetto tutti i giorni sul mio profilo Instagram!! E se volete un sacco di consigli andate sull’altro mio blog dedicato  alle mamme!!

P.S. questo post è stato riveduto e corretto da Tony (mio marito)… 😉

Annunci

Il (non) favoloso mondo dei gemelli

Come sfatarvi un mito in 300 parole!!

Questo post viene scritto così d’impulso, di botto… per far capire a tutte quelle donne, quelle ragazze o quelle future mamme che ho incontrato per strada fino ad ora, che fermarci per esclamare “Chebbellooo, voglio anch’io due gemelli!!!”…non è una cosa da dire…

Mi spiego meglio…ora vi faccio entrare nel #mammadigemelli mood…

IMG-20170414-WA0003

Dal momento in cui partorisci tu perdi un nome, un’identità..alla nursery dell’ospedale nessuno ti chiama “signora”, “mamma”, “Alessandra”, nemmeno più il cognome viene usato…sei “la mamma delle gemelle”!! E fin qui non è un problema…in 2 settimane di ricovero almeno pensavo di essere una persona conosciuta, quasi ben voluta…e invece no, di te mamma non frega niente a nessuno…sono loro, le tue bimbe, il vero fenomeno perchè durante l’orario di visita io ricevevo anche i parenti degli altri!!

“Scusi, posso vedere le gemelle?”…

“posso entrare signora?”…

e quando rispondevo che loro non erano in camera ma alla nursery, nemmeno un saluto…e vabbè!!

IMG-20170416-WA0015

Un altro momento in cui capisci di non avere più una tua identità è alla dimissione. Ricordo di aver messo le bimbe nel passeggino, copertine rosa uguali, cappellino bianco uguale, riduttori uguali…e via…fuori dall’ospedale. Il tempo medio di percorrenza tra la nostra stanza e la macchina sarebbe dovuto essere di circa 12 minuti…ho messo la prima bimba sull’ovetto dopo 40 minuti, e non scherzo!!

Appena fuori dalla camera hanno iniziato a fermarci per farci domande o semplicemente per dirci quanto erano belle… e piccole ….e uguali…Noi abbiamo riso inconsapevoli che quello sarebbe stato il nostro mood quotidiano ad ogni uscita.

Le bimbe a parte qualche controllo in ospedale non le abbiamo fatte uscire fino ai 40 giorni, chi ha avuto bimbi prematuri mi può capire. Dopo i 40 giorni abbiamo deciso di andare ad una festa qui in Alessandria   bella idea complimenti!! Tutto il pomeriggio per attraversare la piazza praticamente, da lì abbiamo iniziato a sentire le domande più assurde del mondo. ma quella è un’altra storia…

Ovviamente il discorso è ironico, quanto vero!! Io ritengo una grande fortuna aver avuto loro due perchè viviamo momenti davvero unici e speciali…ma io sono la mamma di Angelica, di Beatrice e di Matilde…non mi sento diversa o speciale, fortunata si…

Vi aspetto tutti i giorni sul mio profilo Instagram!! E se volete un sacco di consigli andate sull’altro mio blog dedicato  alle mamme!!

Biscotti vegani con gocce di cioccolato

  • 500 g di farina (scegliete voi se 00 o integrale)
  • 150 g di zucchero di canna
  • 120 g di acqua
  • 110 g di olio di semi (io uso quello di oliva che trovo nel pacco di mia suocera!!)
  • 1 cucchiaino e mezzo di lievito per dolci
  • un pizzico di sale
  • un uovo di cioccolato fondente medio (avanzo di Pasqua)

Questa ricetta nasce dall’esigenza di proporre qualcosa di un pò più sano per la colazione delle mie tre bestioline visto che si mangerebbero l’intera dispensa che non possiedo!! L’ho trovata dal mitico Marco Bianchi, ho cambiato un paio di ingredienti in base alle mie esigenze, aggiunto l’ultimo uovo di cioccolato che avevo in giro … et voilà…biscotti perfetti da tenere in un barattolo di latta.

Ma vediamo il procedimento…

Ho scaldato l’acqua e sciolto lo zucchero, appena l’acqua si è raffreddata ho aggiunto l’olio.

In una terrina mischio farina,lievito sale e il cioccolato tritato grossolanamente.

unisco i due composti e formo una palla, è molto simile alla frolla di burro come consistenza ma non c’è il rischio che si scaldi e si rovini… Ripongo in frigo un’oretta.

Trascorso il tempo la tolgo dal frigo e formo delle palline che poi appiattisco col palmo della mano sulla carta da forno. Potete anche stenderla e tagliare col coppapasta. A noi piace così rustico ed è più divertente farli con i bambini!!

In forno a 180° per 10 minuti…non di più altrimenti secca e potrete usare i vostri biscotti per costruire un muro di confine con il vicino!!

IMG_20190516_185735

Fatela…e fatemi sapere!!

Vi aspetto tutti i giorni sul mio profilo Instagram!! E se volete un sacco di consigli andate sull’altro mio blog dedicato  alle mamme!!

Per le altre ricette andate qui!!

Petit Fernand

Care mamme,

Oggi vi parlo di un’azienda molto speciale… Petit fernand. Il nome suona un po’ magico.

Noi abbiamo ricevuto le tazze personalizzabili, e quando dico personalizzabili lo dico perché lo sono al 100%!!! Infatti è possibile scegliere il colore interno della tazza il disegno da mettere all’esterno il tipo di carattere il colore e ovviamente la scritta che si vuole vedere.

La nostra esperienza con le tazze personalizzate è positiva. Il lavoro finito è davvero bello, curato nei particolari. I disegni sono bellissimi, nitidi e perfetti per le mie bimbe, Angelica vuole solo questa tazza ormai per la colazione!!! I tempi di spedizione sono veloci, calcolando la personalizzazione non penso si possa fare di meglio!!

Oltre alle tazze sul loro sito potrete trovare le etichette che sono un po’ il loro cavallo di battaglia, meravigliose lunch box (che credo acquisterò a breve), borracce…il tutto assolutamente personalizzabile.

Se volete un oggetto unico e solo vostro Petit Fernand fa davvero al caso vostro!!! È anche un regalo originale se volete!!!

Potete trovarli sui social: Facebook , Instagram e Pinterest

Inoltre petit fernand mette a disposizione un simpatico Blog con tante attività creative e lavoretti per bambini!

Asilo, scuola, casa, regali, ufficio… Ovunque vogliate potrete avere oggetti solo vostri grazie a Petit Fernand!!!

Cheerz: stampare foto di qualità

Oggi care lettrici vi parlo di Cheerz, un’azienda fatta di giovani con idee strepitose che hanno costruito un sito meraviglioso, colorato, dinamico ed efficiente con il quale potete stampare le vostre foto, i vostri album, calamite, calendari e molto altro ancora !!

Ma iniziamo dal principio…quante foto abbiamo sul nostro smartphone o sui nostri cloud? Migliaia…E quante ne abbiamo stampate finora? poche..troppo poche!! Ora andate qui e scegliete il prodotto che più vi piace e sbizzarritevi nel creare collage fotografici, splendidi fotolibri e cornici!

La classica domanda a questo punto è: come faccio?

da qualsiasi device sarà possibile farlo, addirittura potrete caricare dallo smartphone le vostre foto e poi ritrovarle comodamente sul pc, esattamente come ho fatto io!!

Iniziate dal creare in pochi passi il vostro account. Solite cose…nome e cognome, mail, password , eventuale accesso dai social…Vi chiederà la vostra data di nascita per farvi un piccolo omaggio quel giorno..a questo punto avrete il vostro profilo con il quale gestire foto e acquisti..non solo!

Dalla home potete scegliere il servizio che volete:

Potrete invitare i vostri amici, ogni loro ordine  farà risparmiare loro e guadagnare voi! Vi lascio qui di seguire i loro servizi, vi basterà cliccare sopra per andare sul sito!!

Cheerz Box (foto tipo polaroid)

Noi abbiamo scelto le foto vintage, sembrano delle polaroid di ottima qualità, fanno una bella figura appese semplice al muro con delle mollette o una catena luminosa che potrete acquistare sul loro sito!
Se vorrete potete usufruire di un codice sconto del valore di 5 euro (su spesa minima di 10), al momento del pagamento inserite nell’apposito campo DUEGEMELLEINFAMIGLIA
Vi aspetto tutti i giorni sul mio profilo Instagram!! E se volete un sacco di consigli andate sull’altro mio blog dedicato  alle mamme!!

Cowboyland – il parco per la famiglia

Lo scorso sabato siamo stati ospiti di Cowboyland a Voghera, un piccolo parco a tema dell’oltrepó pavese.

IMG_20180707_105729_108.jpg

IMG_20180707_105704_858.jpg

Apre nel weekend per le famiglie e durante la settimana per i gruppi e comitive. Potete trovare i dettagli di apertura direttamente sul loro sito.

La cosa che colpisce subito è la pulizia, colpisce perché ci troviamo in un luogo aperto con molti animali, eppure nonostante il caldo non c’era quel fastidioso odore, né c’erano troppi insetti. Ed in un parco di questo tipo trovare questa cura è davvero apprezzabile, soprattutto in presenza di bambini piccoli.

Il parco è adatto ai bambini dai 3 anni fino ai 12, ma noi che siamo arrivati col nostro megapasseggino e due bimbe piccole ci siamo comunque trovati bene, gli spazi per girare sono ampi e non ci sono barriere architettoniche, ho visto con piacere un paio di carrozzine con ragazzi disabili muoversi agevolmente all’interno. I giochi sono tutti sicuri, ben tenuti e adatti ad ogni età.

IMG_20180707_171044.jpg

Il personale è davvero gentile, simpatico e disponibile, a partire da Manuela che trovate negli uffici, al barista del Saloon! Bravissimi i figuranti degli spettacoli, davvero bravi!!! Abbiamo partecipato allo spettacolo degli indiani, due ragazzi davvero coinvolgenti e in gamba! Nel pomeriggio siamo entrati per lo spettacolo di magia, ma ahimé Angelica, probabilmente come me, non è attratta dall’illusione quindi dopo 10 minuti siamo uscite. Più tardi, quasi per caso, ci siamo trovati ad assistere allo show dei cowboy… Eccezionale!! Davvero i miei complimenti a tutti!! Erano coinvolte una decina di attori, hanno ballato, recitato e condotto mucche e cavalli. Bravissimi, assolutamente uno spettacolo ben riuscito. Tutti i bambini attorno hanno assistito con piacere e curiosità, e anche noi adulti siamo stati affascinati dalla bravura di tutti quanti!

C’è la possibilità di salire sui cavalli per i più grandicelli e anche gli adulti (vedi mio marito nella foto sotto) mentre i piccoli possono salire sul pony. Ci sono due tipi di trenini, per i bambini sempre più piccoli che viaggia tranquillamente a terra, ed uno invece un pò più veloce e dinamico adatto ai bimbi più coraggiosi! La canoa è stata molto apprezzata da Angelica, ha fatto 3 giri!! Si può trovare anche il rodeo…anche qui un bisonte per i grandi ed uno per i più piccoli!!

Screenshot_20180712-090037-01.jpeg

Siamo stati all’interno del parco dalle 10.30 alle 17.00, nonostante il caldo insopportabile sono presenti molte piante, zone d’ombra e aree di sosta che non fanno pesare l’afa di questi giorni infernali! Inoltre nell’area parco giochi trovate dei nebulizzatori…a varie altezze!!

Gli animali sono ben tenuti, puliti e coccolati. Ci siamo imbattuti un paio di volte nella zona stalle, il personale che lavava e sistemava i cavalli aveva lo sguardo tipico di chi fa il suo lavoro con passione.

All’interno si può trovare un negozietto tipico di prodotti dei cowboy o indiani, un piccolo bar nel centro del parco, dei giochi tipo luna Park a pagamento e una fotografa che fa foto con abiti d’epoca. C’è un parco giochi per i bimbi e ogni servizio è dotato di fasciatoio per il cambio dei più piccoli.

All’esterno del parco si trova l’area ristoro, uno spiazzale molto ampio con tavolini, sedie, tavoloni lunghi con panche, il tutto sotto un grande tendone servito da un punto grill dove si possono gustare panini con hamburger, salamella o wurstel e patatine oppure una bella pannocchia!! Noi abbiamo mangiato qui fuori, ci siamo trovati bene, la carne era ottima, al di sopra delle nostre aspettative, l’unica pecca i signori che mentre grigliano discutono tra di loro, ma in un ambiente di lavoro sappiamo che è normale!! A fianco un saloon, tutto di legno in perfetto stile Western, il barista gentile e simpatico, i servizi ben tenuti. Al piano superiore si trova il ristorante, ovviamente non posso dirvi com’è perché non ci siamo stati, se qualcuno di voi c’è andato però mi lasci un commento qui sotto!!

Che dire… Ne vale assolutamente la pena, anche per chi arriva da fuori e vuole passare una giornata tranquilla immersi nel verde, con un clima diverso dal solito!! Vi rimando per ogni dettaglio, informazione e costo al loro sito!!

Ci siete stati anche voi? Come vi siete trovati? Raccontatemelo nei commenti qui sotto!!

Mi trovate anche su Instagram o su Facebook… imperdibili aggiornamenti ogni giorno!! E per tutte le mamme potete seguire i nostri consigli di vita quotidiana su La rubrica delle mamme su Instagram, Facebook e sul blog dedicato!!

 

 

La beauty routine…delle gemelle!!

No, non avete letto male! Anche i bambini hanno una beauty routine, e nel nostro caso è più importante la loro della mia!!

Devo ammettere che prima di trovare delle abitudini fisse ci abbiamo messo un anno..perché mi ostinavo a voler fare le cose nello stesso modo in cui le facevo con Angelica…ma alla fine mi sono resa conto che due non è uno (eh già, anche se chi ha un solo figlio continua imperterrito ad affermare che il suo fa x due, ebbene non è così!!!).

Prima di capire che stavo sbagliando tutto, ma proprio tutto ho dovuto perdere la pazienza e le forze…arrivavo alle 11 di sera stremata, a volte con ancora la cucina da sistemare..poi mi sono detta: Perchè non proviamo a cambiare le cose? e brava Alina che ci sei arrivata…ora alle 9 sono tutte pronte…mangiate, lavate, pulite e pronte per dormire! E per tutte intendo TUTTE!!!!

Ma parliamo del lato pratico. Ecco la nostra nuova routine, magari può essere uno spunto, anche per chi ne ha uno solo di figlio:

  • ore 18.00 bagnetto… prepariamo un bel bagno di gruppo, tutte e tre insieme nella vasca, grazie a tavolette effervescenti colorate (Lidl), paperelle e spugne varie loro tranquillamente giocano insieme (l’acqua finisce in ogni luogo possibile e immaginabile del bagno, ma poco importa!!). Molto spesso chiedo al papà di stare con loro così io preparo la cena!!
  • ore 18.30 ….una alla volta si esce, ci si asciuga e si mette il body o il pigiamino x dormire, sempre coinvolgendo il papà!! e vi dirò di più..doccetta veloce anche x me!!
  • ore 19/19.15 cena…tutti a tavola insieme, perchè è così che piace a noi. Da sempre il momento dei pasti si passa insieme, mangiando tutti insieme, niente televisione o telefoni.
  • ore 20.00 tutti fuori dalla cucina…io sistemo la cucina e faccio andare la lavastoviglie mentre le bimbe giocano nel loro Baby vivo e papà sorveglia la situazione.

 

  • ore 21.30 …da ora si inizia a far addormentare prima le gemelle e poi Angelica

 

Questo è una schema tipico ma non sempre rispettiamo gli orari perchè ovviamente siamo umani e soggetti agli imprevisti, moli imprevisti, però diciamo che da tre mesi a questa parte le cose vanno così e vanno davvero bene. Alle 22.30 riesco a ritagliarmi del tempo per mio marito, cosa che prima era assolutamente impossibile!!

Spero magari qualcuna di voi possa prendere spunto, oppure possa darmi un’idea in più per la nostra routine!! Lasciatemi un like e magari un commento…

 

Mi trovate anche su Instagram o su Facebook… imperdibili aggiornamenti ogni giorno!! E per tutte le mamme potete seguire i nostri consigli di vita quotidiana su La rubrica delle mamme su Instagram, Facebook e sul blog dedicato!!